Amore e aspettative

L’armonia duratura fra due persone che si vogliono bene e si stimano, il sentimento amoroso senza ombre, la propensione ad accogliere positivamente il prossimo anche nelle sue complessità sono minacciate da un unico fattore, ovvero l’aspettativa.  

Aspettarsi qualcosa da qualcuno è infatti fonte di frustrazione e di dolore e tali sentimenti possono assumere una forza tale da inquinare l’immagine di sé stessi e dell’altro, ingenerando delusione, rifiuto, tormento e minando così la serenità personale e molta parte del piacere di vivere. 

Si possono tuttavia vivere delle relazioni intime, non superficiali, restando svincolati completamente dalla domanda? Si può cioè restare con il cuore pieno e leggero anche quando l’altro non corrisponde al nostro volere o, peggio, fa ripetutamente qualcosa che rivela il suo non amarci allo stesso livello di intensità?

Queste domande non  trovano una risposta univoca. C’è chi ci riesce, pur con degli scivolamenti e delle intime sofferenze, e chi proprio non ce la fa a tollerare rapporti in cui lo specchio non rimanda sempre e comunque un’immagine splendente.

Tendenzialmente la persona più sensibile al tema delle aspettative è attenta ad ogni sfumatura che può svelare lo scarso amore dell’altro o la sua inadeguatezza nel soddisfarne tutti i bisogni. Si tratta generalmente di qualcuno che è stato pesantemente ferito nell’infanzia; i genitori non lo valorizzavano e/o ne frustravano costantemente i bisogni.

Un carico di sofferenza emotiva accumulata in età infantile getta le basi per un’autostima di fondo fragile. Le relazioni successive sono in grado di riattivare le vecchie ferite, perché stimolano i bisogni di dipendenza che non avevano trovato nell’età giusta un’adeguata accoglienza e soddisfazione. Ogni disarmonia o passo falso dell’altro possono scatenare la fuga e l’allontanamento perché interpretati come attacchi.

Viceversa la persona con una buona autostima di base, avendo incontrato a suo tempo un contenimento adeguato del narcisismo infantile, riesce a inquadrare lucidamente la qualità e il  tipo di frustrazione proveniente dall’altro, sopportando i “torti” sopportabili e rigettando solo le gravi mancanze (manipolazioni e violenze).

Sicurezza in se stessi e amore 

Esiste dunque in ogni rapporto umano una quota di non allineamento, una disimmetria nel sentire e nel manifestare affetto e comprensione.

La sicurezza in se stessi, il vedersi cioè amabili e degni nonostante l’assenza di uno specchio rassicurante continuamente accessibile, permette di tollerare lo scarto e di coltivare sentimenti positivi, là dove non vi sono gravi mancanze. La persona che suscita sentimenti di curiosità e desiderio, sia in campo amicale che amoroso, resta fondamentalmente libera di essere ciò che è e di comportarsi come meglio crede.

Al centro del legame non ci sono i bisogni, le domande di accudimento o solo i doveri da assolvere. Il rapporto fluisce senza incagliarsi nelle secche delle aspettative, essendo preponderante il puro piacere dello stare insieme nel rispetto delle diversità di interessi e della necessità di coltivare i propri spazi. 

Là dove si coglie l’affievolirsi di un sentimento si può decidere di restare o di andare via, sempre comunque nel rispetto e nella valorizzazione di ciò che è stato. I ricordi belli, l’arricchimento e l’armonia godute non vengono disprezzati e distrutti. Esiste la possibilità di accettare che le cose cambino, che i sentimenti mutino, in un clima di grande affetto scevro da recriminazioni, tormenti e odi sconfinati.

Anche quando la fine di un rapporto o un suo limite  interno fanno molto soffrire non subentra comunque mai la necessità di attaccare l’oggetto. E là dove invece il rapporto si è basato su un abbaglio, chi ad un certo punto apre gli occhi e incassa il colpo della delusione si rivela in grado di preservare l’oggetto dall’odio, riconoscendo la propria parte nell’aver contribuito all’idealizzazione.

Siamo sempre noi ad infilarci in trappole emotive, l’altro può essere scagionato se siamo in grado di vedere le nostre proiezioni.

Le relazioni di dipendenza

Viceversa se manca una sicurezza di base e prevale la necessità di uno specchio sempre a disposizione le cose si complicano enormemente. Può infatti andare bene per un po’ un ménage simbiotico ma poi, fatalmente, le differenze emergono. Se queste sono viste come delle minacce e non c’è sufficiente spazio per la loro espressione il partner si trova nella condizione di accondiscendere a dei bisogni per “tenere buono” l’altro, accumulando frustrazione.

Qualcosa di inautentico si frappone fra i due. Il più accondiscendente e oblativo può anche essere apparentemente felice di fare da servo all’altro, essendo a sua volta un insicuro che trova una cementificazione identitaria nel ruolo del salvatore, di quello che accudisce, che accontenta ecc…I desideri più veri sono coltivati di contrabbando, non trovando un vero spazio nella coppia.

Coppie così possono vivere dinamiche del genere tutta la vita, alimentando però fantasie di inadeguatezza del partner, la cui abnegazione e compiacenza non bastano mai. Se uno dei due attori rompe l’equilibrio, si sottrae ad un certo punto perché spinto da un risveglio personale, le sofferenze possono essere devastanti per chi invece insiste nel modello simbiotico. 

Sentimenti di odio possono invadere tutto il campo relazionale, non salvando nulla di ciò che è stato e di ciò che è, portando a giudizi senza appello e condotte infantili e puerili. Il rancore e la rivendicazione possono non trovare mai pace, soprattutto se chi viene “deluso” non opera un minimo lavoro su se stesso alla ricerca delle cause vere della propria infelicità.  

Per mantenere dunque un cuore aperto e positivo, se non è possibile azzerare completamente la domanda, è pur necessario fare un lavoro su se stessi per integrare la possibilità della frustrazione quando si è coinvolti in un rapporto che muove dei sentimenti veri. 

La cosa più importante che tiene vivi e mantiene un mondo emotivo a colori e non in bianco e nero infatti non è essere amati, non è ricevere, avere, pretendere ecc…ma dare, amare, voler bene all’altro a prescindere da ciò che torna indietro (sempre che non tornino indietro violenze di vario genere). 

Se ci sono autostime fragili e problemi emotivi risalenti all’infanzia è quanto mai utile effettuare un lavoro su se stessi, in modo da scavallare l’odio che intossica e porta a inopportuni aggrappamenti per accedere al perdono che alleggerisce e permette di entrare senza zavorre  nel gioco della vita.

Rapporto uomo donna, Disagio contemporaneo

Altri articoli sull'amore

Sofferenza d’amore

Ogni sofferenza dell’anima nasconde in filigrana una sofferenza d’amore. Sempre, dietro ad una domanda di aiuto, ad una crisi esistenziale si nasconde uno strappo, una delusione, un senso d’esser stati “mal amati”.

Leggi l'articolo

Delusione d’amore

Scoprire di non venir ricambiati da chi ci piace, essere lasciati, traditi, accorgersi che chi amiamo non è davvero chi credevamo sono tutte situazioni che ci fanno attraversare una delusione d’amore. Il dolore che ne deriva ha fortemente a che fare con la sensazione dello strappo, della lacerazione, della perdita.

Leggi l'articolo

Tre tratti tipici dell'isteria

L' isteria, disturbo diffuso ai tempi di Freud e fino a qualche tempo fa presente come categoria a se stante all'interno dei manuali diagnostico statistici dei disturbi mentali, oggi non è affatto sparita, anche se assume delle sembianze un po' diverse rispetto all'epoca del padre della psicoanalisi.

Leggi l'articolo

Impotenza in amore: quando è una difesa dal femminile

L'impotenza maschile spesso viene considerata come una problematica di ordine eminentemente fisico, che esclude dinamiche di natura psichica. La psicanalisi invece riconosce alla sua base dei precisi meccanismi mentali inconsci, che hanno a che fare con la fuga dal femminile, vissuto come troppo castrante o divorante.

Leggi l'articolo

Il desiderio isterico

Il desiderio isterico, insegna Jacques Lacan rileggendo Freud, è un desidero strutturalmente insoddisfatto. Non impossibile, non distrutto, non mortificato come quello dell'ossessivo, ma sempre al di qua del congiungimento con la soddisfazione. Il desiderio isterico è desiderio puro, è apertura, è mancanza, è tensione desiderante che però non deve incontrare la pienezza dell'appagamento. Perché nella misura in cui questo desiderio si realizza fatalmente si reindirizza verso altro, allo scopo di mantenersi vivo ed insaturo.

Leggi l'articolo

Sparizioni e desiderio maschile

Uomini cinici, freddi, anaffettivi. Si tratta di una delle più comuni lamentazioni femminili in tema di fallimenti amorosi.

Leggi l'articolo

Amare è dare all'altro ciò che non si ha

L'aforisma lacaniano "amare è dare ciò che non si ha" coglie un aspetto fondamentale dell'amore, la generosità. Amare è dare, donare all'altro. Ma che cosa offriamo? Qualcosa che possediamo?  Regali, cibo, cure? Lacan è preciso, dice: dare " ciò che non si ha". E qual è questo bene intangibile che non possediamo ma che nello stesso tempo possiamo mettere a disposizione dell'altro? Semplicemente la nostra presenza, l'esserci in quanto mancanti dell'altro. Allora doniamo la nostra mancanza, il fatto stesso di non essere completi senza l'altro, di non poter vivere senza di lui.

Leggi l'articolo

Amore e passione

L’eterno dilemma: un sentimento morbido, quieto, così quieto da apparire scontato - la cura - o i picchi, le vette e poi gli abissi? Possono convivere l’amore e la passione? La componente distruttiva della passione può trovare un contrappeso nell’amore senza che il lato luminoso della passione, ovvero il risveglio dell’energia creativa, venga soffocato nell’abitudine e nella sicurezza dei sentimenti solidi?

Leggi l'articolo

Il rapporto sessuale e l’amore secondo Lacan

Lacan diceva che il rapporto sessuale non esiste. Non è cioè mai possibile fare Uno con l’Altro attraverso la sessualità. L’uomo e la donna conservano infatti una loro diversità incolmabile, pur nel rapporto sessuale. Che dunque, a rigore, rapporto non è.

Leggi l'articolo

Sulla difficoltà ad amare il prossimo

In Amore liquido, di Zygmunt Bauman, troviamo  un'interessante riflessione sulla disumanizzazione dei rapporti interpersonali nella modernità, frutto di  un'errata attribuzione di equivalenza fra "amore di sè" e "istinto di sopravvivenza".

Leggi l'articolo

L’amore ai tempi del Coronavirus

Qualche tempo fa, quando qui in Italia eravamo solo all’inizio dell’allarme Coronavirus e se ne parlava ancora in toni leggeri, arrivavano notizie dalla Cina relative all’impennata di richieste di divorzio conseguenti ai mesi di isolamento forzato in famiglia. 

Leggi l'articolo

Amare se stessi nell'altro o l'altro per quello che è?

 

Sigmund Freud, il padre della psicoanalisi, era convinto che l'amore tra uomo e donna potesse essere alla fin fine ridotto a due tipologie: l'amore di appoggio e l'amore narcisistico.
Il primo caso riguarda l'investimento amoroso nei confronti di una persona che svolge una funzione materna, di cura, di sostegno.

Leggi l'articolo

Dott.ssa Sibilla Ulivi, psicologo e psicoterapeuta

Via della Moscova 40/6 • 20121 Milano
N. iscr. Albo Ordine degli Psicologi 03/8181 • Partita Iva 07679690961